Accedi

Ho dimenticato la password

Donazione per il Sito
Questo sito offre i suoi servizi senza scopo di lucro. Aiutaci a tenerlo in vita. Previsione spesa 2012 : 100.0€ bilancio attuale: 4.48€ mancano: 95.52€
Pubblicità
Ultimi argomenti
» Gennaio 2005 la nevicata dimenticata
Dom Feb 09, 2014 10:00 pm Da Aquilottoderoma

» Nowcasting Emilia Romagna 2013
Mar Ago 20, 2013 2:27 pm Da christian casadei

» FOTO INVERNO 2011/2012
Ven Mag 17, 2013 9:55 pm Da Aquilottoderoma

» Le cacce alla neve non hanno prezzo!!
Ven Mag 17, 2013 9:53 pm Da Aquilottoderoma

» Accumulo pioggia 2013
Ven Apr 05, 2013 10:47 pm Da DANY71

» Nowcasting Liguria 2013
Ven Apr 05, 2013 10:42 pm Da Davimeteo

» DATI marzo 2013
Lun Apr 01, 2013 9:12 pm Da bona95

» Nowcasting Lombardia 2013
Lun Apr 01, 2013 9:08 pm Da bona95

» Nowcasting marzo 2013
Sab Mar 30, 2013 4:17 pm Da ItalyMeteo

Migliori postatori
ItalyMeteo (6655)
 
Paglia94 (3509)
 
Davimeteo (2427)
 
valfoss (1902)
 
valter65 (1651)
 
davchi (1166)
 
Richi92 (1125)
 
dade72 (934)
 
Wainer88 (809)
 
AltoMonferrato (562)
 

Contatore visite
Classifica di siti - Iscrivete il vostro!
Parole chiave


Pensieri di inizio inverno

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Pensieri di inizio inverno

Messaggio Da Davimeteo il Gio Dic 01, 2011 8:59 pm

Con oggi si chiude una delle stagioni autunnali più brutte della storia meteo recente, almeno per quanto ho visto per la mia regione. Cosa ha offerto questo autunno? Una lunga, lunghissima sequela di nulla, di caldo, di loess bollente, di incendi, alternati da due eventi disastrosi che hanno portato distruzione e vittime. Peggio di così credo che alla natura non si potrebbe chiedere.
Non sto a sindacare in questa sede se queste situazioni siano normali, se "ci possano stare", o altre cose. Fattostà che la realtà dei fatti è questa: totale assenza di precipitazioni per l'intersa stagione, compensate in 3 giorni da accumuli mostruosi, con oltre 310 mm di 3 h

Con oggi, giovedì 1 dicembre, inizia l'inverno meteorologico. Un inverno che si presenta molto difficile, stante lo strapotere indiscusso dell'alta pressione ed il continuo sopramedia sul Mediterraneo.
Riusciremo, almeno, a vedere qualche evento interessante in questa stagione fredda? Dopo il fallimento della primavera, dell'autunno ( perchè quello che abbiamo avuto per me non è autunno) ed anche di parte della stagione estiva, si spera che almeno l'inverno riesca a portare un po' di allegria, un po' di passione, quella passione che inevitabilmente è stata sopita in noi, sia per via degli eventi calamitosi, sia per l'eterna noia che pervade il clima italico.
Il freddo, la neve è visibile quest'anno solo negli spot natalizi. Un bombardamento continuo di neve virtuale, che poi svanisce di colpo quando osservi il termometro che segna uno squallido + 15! .
Insomma, un primo dicembre triste per me dal punto di vista meteo, con la temperatura che non merita di essere nemmeno citata. Speriamo che la natura ci possa ripagare, almeno in parte, durante questa stagione fredda. Speriamo! Rolling Eyes
Adesso, ovviamente, non fustigatemi! Ho solo scritto le mie impressioni e sensazioni...se non lo faccio in un forum meteo non posso farlo da nessun'altra parte.

Davide

_________________


2013 Precipitazioni: 555.0 mm
Gennaio 163.0 mm
Febbraio 24.4 mm
Marzo337.7 mm
Aprile 29.9 mm
avatar
Davimeteo

Messaggi : 2427
Data d'iscrizione : 14.05.11
Età : 23
Località : GENOVA ERZELLI 82m / CASTIGLIONE CHIAVARESE (GE), 330m campeggio (durante l'estate)

Vedi il profilo dell'utente http://meteoerzelli.altervista.org/index.html

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pensieri di inizio inverno

Messaggio Da ItalyMeteo il Gio Dic 01, 2011 9:07 pm

ciao davide ottimo post aperto... a pelle mi viene da dire che da come è passato questo autunno e da come sta iniziando questo inverno, non c'è da aspettarsi molto....però dai speriamo che qualche situazione interessante si verifichi e che non passi di nuovo una stagione nell'anonimato come è stato l'autunno

_________________
Vincitore del campionato Fantarisultati del forum italymeteo
avatar
ItalyMeteo
Admin

Messaggi : 6655
Data d'iscrizione : 28.01.11
Età : 33
Località : Loro Ciuffenna (AR) 330mt s.l.m

Vedi il profilo dell'utente http://www.italymeteo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pensieri di inizio inverno

Messaggio Da Fabri93 il Gio Dic 01, 2011 10:45 pm

Dicembre dalle mille sorprese (comprese quelle gelide),mese che ci stupirà se la stratosfera e il vp vorranno Wink
avatar
Fabri93

Messaggi : 176
Data d'iscrizione : 20.09.11
Età : 24
Località : Empoli (Fi) Nella bella Toscana

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pensieri di inizio inverno

Messaggio Da valfoss il Ven Dic 02, 2011 11:08 am

non siate pessimisti, l'inverno non è ancora iniziato, avremo tempo, tanto tempo per nutrire le speranze. Le temperature tiepide di questo periodo non debbono trarci in ingano sull'evoluzione meteo, anzi sono certo che a metà - fine mese ci sarà la vera svolta.
avatar
valfoss

Messaggi : 1902
Data d'iscrizione : 29.01.11
Età : 57
Località : Santa Maria Capua Vetere 36 mt slm

Vedi il profilo dell'utente http://digilander.libero.it/astrovalfos

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pensieri di inizio inverno

Messaggio Da Scolari il Lun Dic 05, 2011 10:46 pm

Dopo un autunno particolarmente avaro di precipitazioni, salvo i primi giorni di novembre, l'inverno meteorologico è iniziato sulla stessa linea, da sottolineare tuttavia che alla quota dei 50 hPa l'indice QBO presenta ancora valori positivi, mentre alla quota dei 30 hPa presenta valori negativi, nel corso della seconda parte dell'inverno e l'inizio della primavera tale indice passerà in fase negativa a tutti i livelli della stratosfera compresa tra i 30 hPa e i 50 hPa. L'indice QBO positivo messo in relazione ad un'elevata attività solare favorisce un VP più compatto, viceversa a quanto avviene in presenza di un indice QBO negativo associato ad una bassa attività solare, un indice QBO positivo associato ad una bassa attività solare ha poca influenza se non favorire un lieve rafforzamento del VP, mentre anche con un indice QBO negativo messo in relazione con un elevata attività solare ha poca influenza se non favorire mediamente una lieve destabilizzazione del VP. Durante l'inverno 2009-2010 avevamo un indice QBO negativo a tutte le quote in relazione ad una bassa attività solare e questo certamente ha favorito un VP instabile e poco compatto, all'inizio dello scorso inverno l'indice QBO è passato gradualmente in fase positiva in relazione ad un lieve aumento dell'attività solare, mentre quest'anno come detto alla quota dei 50 hPa abbiamo ancora una fase QBO positiva in relazione ad un'attività solare ulteriormente aumentata malgrado non abbia raggiunto il proprio picco massimo del proprio ciclo undecennale, questo potrebbe favorire l'attuale VP stabile e compatto ma nel corso della seconda parte dell'inverno e nella primavera tale indice tenderà a passare in fase negativa, come già avvenuto alla quota dei 30 hPa e questo è certamente un segnale positivo che potrebbe favorire in futuro maggior dinamicità anche alle nostre latitudini. Va considerato in questa occasione anche il tripolo Atlantico, nell'inverno 2009-2010 chiaramente in fase negativa, con conseguente anomalia termica positiva tra la Terranova, le coste Groenlandesi e l'Islanda, come pure la largo delle coste Occidentali del Nord Africa, alternate ad una lieve anomalia termica negativa in una fascia compresa tra le coste Orientali degli USA e le coste Occidentali Europee, se tale disposizione delle anomalie oceaniche erano favorite dalla particolare disposizione delle figure bariche, allo stesso tempo favoriva rimonte di alta pressione dal medio Atlantico fino alle alte latitudini, praticamente la disposizione delle anomalie oceaniche e la disposizione delle figure bariche si influenzano a vicenda, quest'anno si ha invece una situazione ben diversa con anomalie positive lungo le coste Occidentali dell'Europa e le coste Orientali degli USA e anomalie termiche negative tra Atlantico centrale, la Terranova e le coste Meridionali della Groenlandia, questo favorisce l'affondo di depressioni nel Nord Atlantico e l'espansione lungo i Meridiani dell'anticiclone delle Azzorre che tende a diventare così più invadente per il continente. Altri indici climatici attualmente giocano a nostro sfavore,, l'indice AMO positivo con anomalie termiche positive lungo le coste Europee, l'indice NAM ha oramai oltrepassato la soglia critica, di conseguenza il raffreddamento a tutti i livelli della stratosfera-troposfera sopra il circolo polare Artico è molto notevole e questo spesso favorisce la persistenza di un VP ultracompatto e stabile, alcune teorie lo associano addirittura ad un importante calo dell'indice AO a 60 giorni dall'evento di forte raffreddamento della stratosfera polare, anche la NINA forte o moderata in genere favorisce una maggior invadenza dell'alta pressione Azzorriana sul comparto Europeo, attualmente abbiamo una fase di NINA moderata, nel corso dell'inverno l'indice ENSO negativo e l'indice AMO positivo sono previsti in graduale regresso che tenderanno a portarsi gradualmente in fase più neutra, tutto questo lascia pensare che sarà la seconda parte della stagione a godere delle migliori condizioni per le nostre medie latitudini e sembra possibile che possiamo attenderci una primavera piuttosto fresca....! Wink

Scolari

Messaggi : 199
Data d'iscrizione : 21.11.11
Età : 34
Località : Minusio (CH)

Vedi il profilo dell'utente http://Meteogelo.com/cfl2.meteo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pensieri di inizio inverno

Messaggio Da ItalyMeteo il Mar Dic 06, 2011 12:51 am

Scolari ha scritto:Dopo un autunno particolarmente avaro di precipitazioni, salvo i primi giorni di novembre, l'inverno meteorologico è iniziato sulla stessa linea, da sottolineare tuttavia che alla quota dei 50 hPa l'indice QBO presenta ancora valori positivi, mentre alla quota dei 30 hPa presenta valori negativi, nel corso della seconda parte dell'inverno e l'inizio della primavera tale indice passerà in fase negativa a tutti i livelli della stratosfera compresa tra i 30 hPa e i 50 hPa. L'indice QBO positivo messo in relazione ad un'elevata attività solare favorisce un VP più compatto, viceversa a quanto avviene in presenza di un indice QBO negativo associato ad una bassa attività solare, un indice QBO positivo associato ad una bassa attività solare ha poca influenza se non favorire un lieve rafforzamento del VP, mentre anche con un indice QBO negativo messo in relazione con un elevata attività solare ha poca influenza se non favorire mediamente una lieve destabilizzazione del VP. Durante l'inverno 2009-2010 avevamo un indice QBO negativo a tutte le quote in relazione ad una bassa attività solare e questo certamente ha favorito un VP instabile e poco compatto, all'inizio dello scorso inverno l'indice QBO è passato gradualmente in fase positiva in relazione ad un lieve aumento dell'attività solare, mentre quest'anno come detto alla quota dei 50 hPa abbiamo ancora una fase QBO positiva in relazione ad un'attività solare ulteriormente aumentata malgrado non abbia raggiunto il proprio picco massimo del proprio ciclo undecennale, questo potrebbe favorire l'attuale VP stabile e compatto ma nel corso della seconda parte dell'inverno e nella primavera tale indice tenderà a passare in fase negativa, come già avvenuto alla quota dei 30 hPa e questo è certamente un segnale positivo che potrebbe favorire in futuro maggior dinamicità anche alle nostre latitudini. Va considerato in questa occasione anche il tripolo Atlantico, nell'inverno 2009-2010 chiaramente in fase negativa, con conseguente anomalia termica positiva tra la Terranova, le coste Groenlandesi e l'Islanda, come pure la largo delle coste Occidentali del Nord Africa, alternate ad una lieve anomalia termica negativa in una fascia compresa tra le coste Orientali degli USA e le coste Occidentali Europee, se tale disposizione delle anomalie oceaniche erano favorite dalla particolare disposizione delle figure bariche, allo stesso tempo favoriva rimonte di alta pressione dal medio Atlantico fino alle alte latitudini, praticamente la disposizione delle anomalie oceaniche e la disposizione delle figure bariche si influenzano a vicenda, quest'anno si ha invece una situazione ben diversa con anomalie positive lungo le coste Occidentali dell'Europa e le coste Orientali degli USA e anomalie termiche negative tra Atlantico centrale, la Terranova e le coste Meridionali della Groenlandia, questo favorisce l'affondo di depressioni nel Nord Atlantico e l'espansione lungo i Meridiani dell'anticiclone delle Azzorre che tende a diventare così più invadente per il continente. Altri indici climatici attualmente giocano a nostro sfavore,, l'indice AMO positivo con anomalie termiche positive lungo le coste Europee, l'indice NAM ha oramai oltrepassato la soglia critica, di conseguenza il raffreddamento a tutti i livelli della stratosfera-troposfera sopra il circolo polare Artico è molto notevole e questo spesso favorisce la persistenza di un VP ultracompatto e stabile, alcune teorie lo associano addirittura ad un importante calo dell'indice AO a 60 giorni dall'evento di forte raffreddamento della stratosfera polare, anche la NINA forte o moderata in genere favorisce una maggior invadenza dell'alta pressione Azzorriana sul comparto Europeo, attualmente abbiamo una fase di NINA moderata, nel corso dell'inverno l'indice ENSO negativo e l'indice AMO positivo sono previsti in graduale regresso che tenderanno a portarsi gradualmente in fase più neutra, tutto questo lascia pensare che sarà la seconda parte della stagione a godere delle migliori condizioni per le nostre medie latitudini e sembra possibile che possiamo attenderci una primavera piuttosto fresca....! Wink

speriamo davvero anche se sarà la seconda parte della stagione basta che finisca questa situazione anormale.. complimenti per l'ottima spiegazione

_________________
Vincitore del campionato Fantarisultati del forum italymeteo
avatar
ItalyMeteo
Admin

Messaggi : 6655
Data d'iscrizione : 28.01.11
Età : 33
Località : Loro Ciuffenna (AR) 330mt s.l.m

Vedi il profilo dell'utente http://www.italymeteo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pensieri di inizio inverno

Messaggio Da Scolari il Mar Dic 06, 2011 2:38 pm

Grazie mille Smile Speriamo che qualcosa cambi, intanto dalle emissioni attuali, almeno fino a metà mese sempre zonalità sparata e treno di profonde depressioni sul Nord Europa, anche per il periodo sucessivo GFS non intravede un cambiamento significativo delle disposizioni bariche. Smile

Scolari

Messaggi : 199
Data d'iscrizione : 21.11.11
Età : 34
Località : Minusio (CH)

Vedi il profilo dell'utente http://Meteogelo.com/cfl2.meteo

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pensieri di inizio inverno

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum