Accedi

Ho dimenticato la password

Donazione per il Sito
Questo sito offre i suoi servizi senza scopo di lucro. Aiutaci a tenerlo in vita. Previsione spesa 2012 : 100.0€ bilancio attuale: 4.48€ mancano: 95.52€
Pubblicità
Ultimi argomenti
» Gennaio 2005 la nevicata dimenticata
Dom Feb 09, 2014 10:00 pm Da Aquilottoderoma

» Nowcasting Emilia Romagna 2013
Mar Ago 20, 2013 2:27 pm Da christian casadei

» FOTO INVERNO 2011/2012
Ven Mag 17, 2013 9:55 pm Da Aquilottoderoma

» Le cacce alla neve non hanno prezzo!!
Ven Mag 17, 2013 9:53 pm Da Aquilottoderoma

» Accumulo pioggia 2013
Ven Apr 05, 2013 10:47 pm Da DANY71

» Nowcasting Liguria 2013
Ven Apr 05, 2013 10:42 pm Da Davimeteo

» DATI marzo 2013
Lun Apr 01, 2013 9:12 pm Da bona95

» Nowcasting Lombardia 2013
Lun Apr 01, 2013 9:08 pm Da bona95

» Nowcasting marzo 2013
Sab Mar 30, 2013 4:17 pm Da ItalyMeteo

Migliori postatori
ItalyMeteo (6655)
 
Paglia94 (3509)
 
Davimeteo (2427)
 
valfoss (1902)
 
valter65 (1651)
 
davchi (1166)
 
Richi92 (1125)
 
dade72 (934)
 
Wainer88 (809)
 
AltoMonferrato (562)
 

Contatore visite
Classifica di siti - Iscrivete il vostro!

Studio microclimatico del lago d'Iseo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Studio microclimatico del lago d'Iseo

Messaggio Da Paglia94 il Mar Giu 05, 2012 8:14 pm

Nel corso degli ultimi anni ho raccolto dati riguardanti i vari aspetti climatici e microclimatici del lago d'Iseo, riportando poi i valori in tabelle di excel con l'intenzione poi di elavorare il maniera grafica questi dati e stilare delle mappe tematiche. Ebbene, qualche mese fa ho portato a compimento le mie prime due mappe tematiche che riguardano il comportamento dei venti del lago d'Iseo, le sue brezze notturne/mattutine e pomeridiane, usufruendo delle stazioni meteo dislocate sul territorio del Sebino.

iniziamo con la mappa della brezza notturna/mattutina:



nella mappa è riprodotto il comportamento della brezza che tra la tarda notte e l'alba di ogni giornata serena durante tutto l'anno scende dalla Valcamonica fino a raggiungere la Franciacorta: i due picchi massimi si trovano 1) alla strettoia tra Portirone e la Corna Trentapassi, dove proprio perchè la larghezza del lago si restringe il vento intensifica; 2) allo sbocco lacustre, nella parte più settentrionale della Franciacorta, tra Corte Franca e Provaglio d'Iseo, con particolare riferimento al parco delle Torbiere: chiunque passa in questi due paesi può notare le piante piegate in direzione opposta al lago, indice di costanti venti mattutini nord-orientali. La propagazione della brezza termina sulle colline moreniche di Adro, che fungono da barriera oltre cui il vento (che transita negli strati prossimi al suolo) non riesce a passare. Anche il monte di Adro, con altitudine di 600 m circa, sbarra la brezza che altrimenti raggiungerebbe il comune di Capriolo e che invece resta schermato.

e per seconda mappa, quella della brezza pomeridiana:



in questo caso ho analizzato il comportamento della brezza pomeridiana che esattamente alle 12:00 di ogni giorno soleggiato e stabile si attiva e risale il lago da Sarnico fino a Lovere entrando poi nella Valcamonica; questa volta possiamo individuare i picchi massimi 1) allo sbocco della valle del fiume Oglio quando questo diventa lago nei pressi di Sarnico; 2) all'altra apertura che il lago ha sulla pianura, cioè dall'alta franciacorta salendo fino a mont'Isola; 3) dopo la strettoia tra Portirone e la Corna Trentapassi, che come accade al mattino, solo con direzione opposta, più la valle si stringe più il vento intensifica fino ad aprirsi a ventaglio portando le raffiche più intense di tutto il lago a Castro, poco prima di Lovere; 4) una volta superato Lovere il vento entra in valcamonica toccando raffiche notevoli poco dopo Costa Volpino, dove le piante sono infatti piegate da ovest/sud-ovest a est/nord-est. Generalmente meno interessati i tratti lacustri nei pressi di Tavernola Bergamasca e alle spalle di mont'Isola che scherma l'azione dei venti sul lato nord dell'isola. Infine, il vento che risale il lago, dopo la strettoia ad imbuto accelera abbastanza da riuscire a scavalcare la collina che separa Riva di Solto da Endine Gaiano, dove si riversa sottoforma di brezza da sud-est riscaldando la valle del Freddo.

Spero che le spiegazioni non siano troppo noiose, ma del resto per chi non conosce la zona, sono necessarie ma al tempo stesso molto curiose Very Happy

_________________
Pagliaro Mattia affraid affraid
Dati real-time Villongo
avatar
Paglia94

Messaggi : 3509
Data d'iscrizione : 29.01.11
Età : 22
Località : Villongo(BG) 232 m s.l.m

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Studio microclimatico del lago d'Iseo

Messaggio Da ItalyMeteo il Mar Giu 05, 2012 8:24 pm

ottima matt bellissimo articolo

_________________
Vincitore del campionato Fantarisultati del forum italymeteo
avatar
ItalyMeteo
Admin

Messaggi : 6655
Data d'iscrizione : 28.01.11
Età : 33
Località : Loro Ciuffenna (AR) 330mt s.l.m

Vedere il profilo dell'utente http://www.italymeteo.it

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum